“Mi sono incuriosita e ho condotto una piccola inchiesta per Il Fatto Quotidiano: dopo le prime reticenze, un poliziotto mi ha raccontato che in molti, per lo più turisti stranieri, restituiscono Iphone 5 e 6, ma tra i padiglioni sono stati trovati anche tre vibratori”. Così Selvaggia Lucarelli, ospite di “Benvenuti nella giungla”, su Radio 105 . Tra le varie curiosità singolari, spicca quanto la Lucarelli ha scoperto nell’ufficio “lost&found” (oggetti smarriti) della stazione metropolitana: nei bagni di Expo sono stati trovati tre vibratori, poi portati nell’ufficio oggetti smarriti. “Nessuno al momento è tornato a reclamarli” – ha scritto ironicamente la giornalista – “anche perché occorrerebbe poi dimostrarne l’effettiva proprietà e non oso immaginare la prassi”.
La Lucarelli insieme ai conduttori, Gianluigi Paragone e Mara Maionchi, si sofferma anche sulla figura di Laura Antonelli, l’attrice scomparsa il 22 giugno: “Io ho una regola ferrea: quella di non ricordare con tweet o post su facebook nessuno, a meno che io non sia particolarmente affezionata a un determinato personaggio per ragioni personali. Laura Antonelli – afferma -non è stato un mio mito o una mia icona di donna, pur avendo visto qualche suo film. Ma mi dispiace umanamente che abbia subito una parabola del genere. Preferisco mantenere un silenzio più rispettoso e – prosegue – non dedicarle nessun messaggio sui social, perché, in caso contrario, mi sentirei ipocrita”. Poi sottolinea: “Trovo disgustoso il fatto che si stiano tirando fuori le foto dell’abbrutimento della Antonelli nei suoi ultimi anni. Forse un buon modo per ricordarla è proporre immagini di quando era giovane. O forse non metterla in mostra proprio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

TgPorco, “Il geniale piano B di Renzi”: Sabina Guzzanti fa la parodia dei telegiornali

next
Articolo Successivo

Wired, chiude e licenzia il mensile della rivoluzione tecno italiana. “Solo su web”

next