Escono da Palazzo Madama piangendo. Si abbracciano. Urlano “resistenza”, “vergogna!” e “funerale della democrazia“. Cantano “bella ciao” e l’inno di Mameli. Sono insegnanti. Molti di loro sono precari da anni. Temono di restarlo per sempre. Nell’aula del Senato hanno assistito al voto di fiducia sulla riforma della scuola. Il provvedimento è appena passato con 159 sì e 112 no. Loro non ci stanno, e decidono di circondare pacificamente il palazzo del Senato, piangendo e urlando tutta la loro contrarietà al progetto del Governo appena approvato. La parola passa adesso alla Camera di Davide Patitucci

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabili, stranieri e medie: ecco i punti che la riforma della scuola ha dimenticato

next
Articolo Successivo

Scuola, Fassina idolo della piazza: “Fai Mosè”. Lui: “Renzi vince? Non nel Paese”

next