Diciassette persone sono arrestate e 92 denunciate in tutta italia. Sono tutte accusate di pornografia minorile e detenzione di materiale pornografico. L’indagine è stata condotta dalla polizia postale di Roma in collaborazione con la polizia tedesca e coordinata dal Servizio polizia postale e dal pool “reati sessuali” della procura di Roma.

La polizia ha anche sequestrato computer, smartphone, tablet e diversi hard disk, protetti da un sistema crittografico avanzato. Nell’indagine sono finiti migliaia di file caricati online, specialmente su piattaforme web di file sharing, da utenti italiani e stranieri. Nella maggior parte dei video sono presenti bambini abusati, umiliati e a volte seviziati. I presunti responsabili sono tutti uomini tra i 25 e i 75 anni, di varia estrazione sociale. Tra questi c’è un maestro di scuola elementare.

Il ministro dell’Interno Angelino Alfano si è congratulato telefonicamente con con il capo della polizia Alessandro Pansa, per il risultato dell’indagine. “Ancora una volta la Polizia di Stato, grazie al suo grande impegno e allo straordinario livello professionale, ha portato a segno l’operazione Aygor contro la pedopornografia on line. L’operazione di oggi – continua il ministro – è la dimostrazione del costante lavoro profuso dalle Istituzioni per dare ai nostri giovani un web sempre più sicuro ed è questo uno dei principali obiettivi della Polizia Postale e delle Comunicazioni, riconosciuta eccellenza italiana nel campo della sicurezza informatica per le esclusive competenze con cui, nonostante la profondità del Dark web, riesce a fare emergere i responsabili di tali turpi traffici”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Laudato si’, Petrini e l’enciclica: “Momento di svolta nella storia della Chiesa”

next
Articolo Successivo

Migranti: i nostalgici di Hitler e il rifiuto dell’accoglienza

next