Diciassette persone sono arrestate e 92 denunciate in tutta italia. Sono tutte accusate di pornografia minorile e detenzione di materiale pornografico. L’indagine è stata condotta dalla polizia postale di Roma in collaborazione con la polizia tedesca e coordinata dal Servizio polizia postale e dal pool “reati sessuali” della procura di Roma.

La polizia ha anche sequestrato computer, smartphone, tablet e diversi hard disk, protetti da un sistema crittografico avanzato. Nell’indagine sono finiti migliaia di file caricati online, specialmente su piattaforme web di file sharing, da utenti italiani e stranieri. Nella maggior parte dei video sono presenti bambini abusati, umiliati e a volte seviziati. I presunti responsabili sono tutti uomini tra i 25 e i 75 anni, di varia estrazione sociale. Tra questi c’è un maestro di scuola elementare.

Il ministro dell’Interno Angelino Alfano si è congratulato telefonicamente con con il capo della polizia Alessandro Pansa, per il risultato dell’indagine. “Ancora una volta la Polizia di Stato, grazie al suo grande impegno e allo straordinario livello professionale, ha portato a segno l’operazione Aygor contro la pedopornografia on line. L’operazione di oggi – continua il ministro – è la dimostrazione del costante lavoro profuso dalle Istituzioni per dare ai nostri giovani un web sempre più sicuro ed è questo uno dei principali obiettivi della Polizia Postale e delle Comunicazioni, riconosciuta eccellenza italiana nel campo della sicurezza informatica per le esclusive competenze con cui, nonostante la profondità del Dark web, riesce a fare emergere i responsabili di tali turpi traffici”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Laudato si’, Petrini e l’enciclica: “Momento di svolta nella storia della Chiesa”

prev
Articolo Successivo

Migranti: i nostalgici di Hitler e il rifiuto dell’accoglienza

next