Su 108 circoli romani del Partito democratico sono 27 quelli ritenuti ‘dannosi’ secondo la relazione elaborata da Fabrizio Barca e i suoi collaboratori presentata alla Festa dell’Unità a Roma. “Li abbiamo incasellati nella categoria ‘potere per il potere’ – spiega l’ex ministro per la Coesione territoriale del governo Monti – qui è mancato il presidio del partito e si è sviluppato un fenomeno di ‘infeudamento’ dove alcuni si sono impadroniti del circolo sfruttando per interessi personali”. Intervistato dal vicedirettore del Fatto Quotidiano Stefano Feltri, Barca precisa in relazione all’inchiesta Mafia Capitale: “Non ci siamo sostituiti al lavoro della magistratura, ma quando fra amministrazione e partito si determina una coincidenza si creano delle condizioni in qualcuno se ne approfitta”. E ancora: “Il fatto che alcuni circoli sono stati assaltati e il 38% degli iscritti, contravvenendo alle regole dello statuto, non partecipano alla vita del partito è diventato normale per la mancanza di controllo”   di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, Renzi e governo al minimo nei consensi. B. e la tentazione di resuscitare il Nazareno

next
Articolo Successivo

Sicilia, sindaco di Misterbianco vs consigliere: “Qui non vogliamo gli sbirri, perché ci fanno schifo”

next