Uno scambio di promesse d’amore tra tre coppie: una gay, una lesbica e una etero. È questa la risposta che dal palco della quattordicesima edizione del Gay Village di Roma arriva a chi, sempre nella capitale, scenderà in piazza per il Family day. “Un modo – spiega Vladimir Luxuria – per rispondere a coloro che come al solito vorrebbero decidere le vite degli altri“. L’ultimo Family Day fu quello del 2007, in piena discussione sui Dico: “Me lo ricordo, ero parlamentare – prosegue Luxuria – e bloccò anche quel minimo di dibattito che c’era, non vorrei che succedesse la stessa cosa, ma noto che stavolta non c’è stato un endorsement così esplicito da parte della Chiesa”. E sul dibattito che imperversa nelle scuole e che ha portato una preside di un istituto romano a emanare una circolare per mettere in guardia i genitori sulla presunta teoria del gender, Luxuria precisa: “Qualcuno mi spieghi cos’è questa teoria. Cosa vuol dire? Parlare di questi temi a scuola non vuol dire creare nuovi gay e nuovi trans, vuol dire educare al rispetto. E questo credo che sia proprio il compito della scuola”. Gasparri e i suoi insulti al Gay Pride? “Si faccia una vita”, è l’invito dell’ex parlamentare. Sull’iter della legge Cirinnà, infine, Luxuria spiega: “Temo che l’alleanza con Ncd possa spingere ad annacquare un testo che già non è il matrimonio approvato in tante nazioni, anche cattoliche. Bisognerà stare all’erta”  di Chiara Carbone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabilità: pensieri di una care giver

next
Articolo Successivo

Family Day 2015, la manifestazione in piazza a Roma contro le unioni civili. Guarda la diretta

next