“Mai come adesso, dalla Seconda Guerra mondiale, ci sono tanti rifugiati nel mondo”. Il dato fornito da Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell’Unhcr (l’alto commissariato per i rifugiati dell’Onu) è sconfortante, ma il punto è chiaro: “L’Unione europea – specifica Sami – non può permettersi di non riuscire a gestire qualche centinaia di rifugiati, rispetto alle decine di milioni di coloro che ancora vivono nei Paesi vicini a quelli in guerra – afferma la portavoce -. Parliamo di 200mila persone arrivate via mare, pensiamo che questo possa essere gestibile: la propaganda che porta all’idea di caos è deleteria”. Sul ventilato ‘piano B’ di Renzi, da mettere in atto in caso l’Europa non rispondesse in maniera efficace al problema immigrazione, Carlotta Sami è chiara: “Noi ragioniamo su proposte ufficiali, non sul sentito dire”. Il ‘piano b’ sostenuto dall’Unhcr è invece in parte quello stabilito dall’agenda europea sull’immigrazione: “Sono 12 passi che prevedono una condivisione delle responsabilità, che prevedono la possibilità per i richiedenti asilo di essere distribuiti sul territorio europeo, ma anche un’implementazione elastica del regolamento di Dublino”. “Verso l’Italia arriveranno un 15-20 per cento di persone in più rispetto allo scorso anno – specifica la portavoce dell’Unhcr – abbiamo una situazione invece estremamente critica in Grecia, dove gli arrivi sono già 5 volte in più rispetto quelli dell’anno scorso”. Impensabile bloccare le partenze: “Sostenere questa cosa, vuol dire illudere le persone”. Per celebrare la giornata mondiale del rifugiato, il 20 giugno, l’Unhcr ha organizzato un concerto all’Ippodromo del Visarno, a Firenze, dove si esibiranno, tra gli altri, artisti del calibro di Elisa, Piero Pelù, Bandabardò e Dario Brunori. “Abbiamo pensato di utilizzare un mezzo leggero come la musica per far venire meno la paura dell’accoglienza”, conclude Carlotta Sami  di Chiara Carbone e Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Family Day, la strumentalizzazione del ‘gender’ nelle scuole che crea allarme sociale

next
Articolo Successivo

Adozioni, il sì alla ricerca delle origini biologiche viola il diritto all’oblio della madre?

next