“Non si capisce per quale motivo noi avremmo dovuto sostenere un senatore del Pd. Noi siamo contro il sistema dei partiti e sosteniamo soltanto le persone che da cittadini scelgono di entrare in politica e lo fanno attraverso il simbolo del M5S, noi non facciamo apparentamenti e non diamo indicazioni di voto ai nostri cittadini: loro che valutano l’operato e i programmi di queste persone, come con Casson e poi decidono se appoggiarlo o meno, non siamo noi che decidiamo per loro”. Giuseppe Brescia, Deputato del M5S, commenta così la sconfitta di felice Casson al ballottaggio per la poltrona di primo cittadino a Venezia. Brescia ritiene positivo invece il bilancio dei ballottaggi dove era presente il M5S, anche se non ricorda una delle vittorie: Venaria in provincia di Torino e la vittoria al primo turno a Pietraperzia (in provincia di Enna). La voce si sparge tra i deputari pentastellati e la Capogruppo a Montecitorio, Francesca Businarolo arriva preparata sulle vittorie firmate M5S e sulla sconfitta di Casson, afferma: “Non cambiamo idea men che meno per Casson, che è un Senatore lui avrebbe dovuto dimettersi prima di correre come sindaco di Venezia, paga anche le conseguenze dell’effetto dell’indagine ‘Mose‘, che è stato devastante per il veneto e per il Pd, quindi penso non sia tutta responsabilità del M5S. La vittoria di Forza Italia non è un occasione persa per la rilevanza del M5S? Vedremo sul campo – risponde la Businarolo – noi avremo tanti nuovi consiglieri nel Comune di Venezia e riusciremo a lavorare bene con le nostri idee e le nostre proposte”. Intanto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio esulta: “Dove siamo andati al ballottaggio”, ha scritto su Facebook, “il Movimento 5 Stelle ha asfaltato i suoi concorrenti con una media del 70%. Questo conferma le enormi possibilità che abbiamo di governare il Paese accedendo al ballottaggio nazionale. Le persone vogliono vederci governare. Il nostro 70% di Porto Torres che ha steso il Pd, lo dimostra. E noi siamo pronti” di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comunali 2015, il mea culpa del Pd. Guerini: “Sconfitta che brucia”. Cacciari: “A Venezia suicidio perfetto”

next
Articolo Successivo

Comunali, a Porto Torres il sindaco M5s venuto dagli Usa (e candidato a aprile)

next