Virgin Group pagherà un anno di congedo ai dipendenti che diventano genitori. Lo ha deciso Richard Branson, fondatore del gruppo, ma la concessione sarà valida soltanto per la parte dello staff che ha maturato almeno quattro anni di anzianità aziendale. Le neo mamme e i neo papà potranno godere di 12 mesi di congedo parentale interamente retribuito dopo la nascita o l’adozione di un bambino. “Come papà e ora nonno di tre bellissimi nipoti, so che c’è del magico nel primo anno di vita di un bambino ma so anche che il lavoro è duro”, ha detto Branson.

Per poter usufruire dell’assenza a stipendio pieno, i dipendenti della Virgin, società proprietaria di palestre, emittenti radio, compagnie aeree ed etichette discografiche, devono essere stati assunti appunto da almeno quattro anni. Chi lavora nella società da meno di due anni può richiedere almeno il 25% del salario per 52 settimane. La scelta del numero uno di Virgin è in linea con la nuova legge del Regno Unito in base alla quale i neo genitori possono raggiungere un massimo di 50 settimane di congedo, 37 delle quali retribuite a stipendio parziale.

A settembre 2014 Branson aveva stabilito di eliminare l’orario di lavoro e abolire il limite dei giorni di ferie per i dipendenti, in modo che avessero più tempo per la famiglia e per coltivare i propri interessi. “I dipendenti si possono assentare un’ora, una settimana o un mese, senza che nessuno debba potergli fare domande, perché una persone felice lavora meglio – aveva dichiarato – Ho un amico la cui società ha fatto la stessa scelta e che ha visto un miglioramento in ogni ambito, arrivando a un picco sia rispetto alla creatività che alla produttività dell’azienda”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival della lentezza, secondo noi

prev
Articolo Successivo

Cancro, un nuovo approccio all’oncologia

next