Per Anna Laura Scuderi ed Elena Pesce, le maestre dell’asilo privato Cip Ciop di Pistoia già condannate in primo e secondo grado per i maltrattamenti ai bambini e le conseguenti lesioni psicologiche è arrivata la condanna definitiva da parte della Cassazione. La Suprema Corte ha respinto i ricorsi presentati dalle difese dopo la condanna in appello giudicandoli inammissibili. Confermate le pene inflitte in appello: 6 anni e 4 mesi ad Anna Laura Scuderi, 5 anni a Elena Pesce. La sentenza dopo il deposito sarà trasmessa a Genova, sede del processo di primo e secondo grado, per l’esecuzione dell’ordine di carcerazione. Il processo fu trasferito a Genova perché fra i genitori dei bambini maltrattati c’è un magistrato in servizio in Toscana. 

Le due maestre erano state condannate anche all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e al risarcimento del danno nei confronti di tutte le parti civili: i 25 bambini dell’asilo e i loro genitori costituiti in giudizio; il Comune di Pistoia, per il danno d’immagine subito, e l’associazione Sos angeli onlus. Le due maestre furono arrestate il 2 dicembre 2009, inchiodate da una serie di immagini delle telecamere piazzate nell’asilo dalla polizia dopo la segnalazione di alcuni genitori. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Polizia, storia di una riforma incompiuta

next
Articolo Successivo

Martina Levato e Alexander Boettcher, condanna a 14 anni per agguati con acido

next