Per Anna Laura Scuderi ed Elena Pesce, le maestre dell’asilo privato Cip Ciop di Pistoia già condannate in primo e secondo grado per i maltrattamenti ai bambini e le conseguenti lesioni psicologiche è arrivata la condanna definitiva da parte della Cassazione. La Suprema Corte ha respinto i ricorsi presentati dalle difese dopo la condanna in appello giudicandoli inammissibili. Confermate le pene inflitte in appello: 6 anni e 4 mesi ad Anna Laura Scuderi, 5 anni a Elena Pesce. La sentenza dopo il deposito sarà trasmessa a Genova, sede del processo di primo e secondo grado, per l’esecuzione dell’ordine di carcerazione. Il processo fu trasferito a Genova perché fra i genitori dei bambini maltrattati c’è un magistrato in servizio in Toscana. 

Le due maestre erano state condannate anche all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e al risarcimento del danno nei confronti di tutte le parti civili: i 25 bambini dell’asilo e i loro genitori costituiti in giudizio; il Comune di Pistoia, per il danno d’immagine subito, e l’associazione Sos angeli onlus. Le due maestre furono arrestate il 2 dicembre 2009, inchiodate da una serie di immagini delle telecamere piazzate nell’asilo dalla polizia dopo la segnalazione di alcuni genitori. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Polizia, storia di una riforma incompiuta

prev
Articolo Successivo

Martina Levato e Alexander Boettcher, condanna a 14 anni per agguati con acido

next