“Essere assessore Cinque Stelle in una giunta Pd vuol dire non poter fare niente. Noi con questi vecchi partiti, sopratutto i democratici, non abbiamo nulla in comune”. La candidata grillina in Puglia Antonella Laricchia rifiuta la proposta del vincitore Michele Emiliano che le aveva offerto l’assessorato all’ambiente della Regione. “Ci colpisce il fatto che nel suo primo discorso da vincitore non si sia parlato di contenuti ma solo di spartizione di poltrone“, spiega Laricchia in una conferenza stampa alla Camera dei Deputati di commento alle elezioni. “Il Pd governa la Puglia da dieci anni ed è quindi responsabile dei danni ambientali, come può pensare di risolvere i problemi chi li ha causati? Emiliano – conclude – aveva promesso in campagna elettorale di scegliere la giunta attraverso le primarie, ora rispetti la parola” di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali 2015: Pd e M5S perdono una valanga di voti

next
Articolo Successivo

Elezioni Regionali, Grillo: “Pd di Renzi dimezzato”. Ma anche M5S perde voti

next