Le domande sulla legge Severino fanno saltare i nervi ai “deluchiani”: un collaboratore di Vincenzo De Luca ha preso a spallate e calci due videoreporter per ‘proteggere’ dai microfoni il neo presidente della Campania. L’episodio è avvenuto al termine di un comizio di quasi venti minuti che un sms mattutino dell’ufficio stampa aveva presentato come “conferenza stampa” presso la Stazione marittima. Invece non sono state ammesse domande, solo un microfono aperto sul palco dal quale De Luca ha parlato senza contraddittorio con annesso avvertimento a Matteo Renzi “a cui va il mio primo ringraziamento” e quindi ci pensi bene prima di sospenderlo. Poi la fuga finale, inseguito invano dai cronisti verso un’uscita secondaria, con uno dei più stretti collaboratori di De Luca, il vicesegretario regionale del Pd con delega agli Enti Locali e curatore della lista ‘De Luca Presidente’, Nello Mastursi, che prima ha allontanato con una spallata un giornalista di La7 (l’inviato de La Gabbia, Nello Trocchia) e poi colpisce con un calcio al ginocchio il corrispondente de ilfattoquotidiano.it: “Non sei autorizzato a riprendermi”. La loro colpa? Provare a fare domande sulla Severino e sulle ricadute che quella legge avrà sul governo regionale. Dopo il parapiglia almeno sono arrivate le scuse dello staff del presidente regionale: “Non era proprio un calcio, era uno sgambetto. Cerca di capire siamo tutti quanti stanchi”. Dopo il servizio il cronista del FattoTv è andato al pronto soccorso per farsi visitare la botta al ginocchio  di Fabio Capasso e Vincenzo Iurillo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali, Serracchiani e le ‘due sinistre’: “Quella del cambiamento è dentro al Pd”

next
Articolo Successivo

Elezioni Sardegna, al candidato arrestato subentra la moglie. E diventa sindaco

next