“Le liti esasperate contribuiscono a creare sfiducia e allontanano la partecipazione dei cittadini”. Sono queste le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che arrivano mentre è ancora in corso il conteggio dei voti delle elezioni amministrative che hanno registrato un’affluenza di appena il 52,2%. In Italia “occorre più coesione – continua il presidente – serve maggiore solidarietà: è questo il messaggio del 2 giugno”.

Nel discorso che ha anticipato il concerto in onore del Corpo diplomatico, che si è tenuto nella sala dei Corazzieri, al Quirinale, Mattarella ha anche espresso il desiderio di raggiungere una collaborazione politica che non si limiti ai confini nazionali. L'”armonia – spiega – andrebbe respirata anche in ambito internazionale. Ci sono minacce nuove, fenomeni che allarmano: terrorismo fondamentalista, ondate migratorie incontrollate, inquinamento globale. Sfide che nessun Paese può risolvere da solo. L’isolamento provoca paura. Occorre più solidarietà, una politica di ampia collaborazione”.

Domani è la Festa della Repubblica e il presidente si augura che “in questo 2 giugno, di fronte alle sfide che ci attendono, si sia capaci di rafforzare lo spirito autentico di unità nazionale, la coesione sociale e l’orgoglio di essere, insieme, italiani ed europei. Questo due giugno presenta qualche segnale di speranza, pur nelle difficoltà quotidiane degli italiani. Si inizia a intravedere l’uscita della crisi”.

Mattarella ha voluto anche spiegare il significato e lo spirito della Festa della Repubblica. “Il 2 giugno del 1946 il popolo italiano, dopo anni di dittatura e di guerra, ha sancito con il proprio voto la nascita della Repubblica. Una scelta che ha inaugurato per il nostro Paese un periodo di pace, di sviluppo, di crescita sociale e democratica senza precedenti. Il desiderio di riscatto, l’amore per la patria, la fiducia nel futuro sono allora prevalsi sulle divisioni e le spinte disgregatrici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni regionali 2015, Grillo e Salvini: le (opposte) traiettorie dei vincitori di queste elezioni

next
Articolo Successivo

Elezioni comunali 2015, l’Italia senza quorum: ecco i paesi allergici alle urne

next