Gentilissimi lettori,

Proprio ieri ho scritto della candidata per le Regionali del Veneto Alessandra Moretti che aveva parcheggiato il furgone della campagna elettorale nel parcheggio riservato ai disabili della Diesel a Breganze.

Mi è stato segnalato che giusto ieri il camper della candidata presidente per il M5S della Liguria Alice Salvatore sostava in una zona carico e scarico in pieno centro a Genova in piazza Dante.

In questo caso non è stato occupato un parcheggio per disabili è vero, ma ha pur sempre sostato in uno spazio dove non le era permesso, ha per cui anche lei non rispettato il codice della strada e di fatto mancato di rispetto anche a tutti i cittadini.

A questo punto vorrei porre alla candidata del M5s la stessa domanda che ho posto anche alla candidata Moretti e cioè, se lei o i suoi collaboratori o entrambi, non hanno rispetto di queste cose che possono sembrare piccole o banali ma fanno parte del viver civile e del rispetto delle leggi, come possiamo noi cittadini votanti credere che una volta ottenuto il mandato si impegneranno veramente a fare tutto ciò che è meglio per noi? Come possiamo fidarci?

Invito tutti i candidati di qualsiasi schieramento a fare attenzione a non utilizzare spazi riservati ad altri, e non abusarne anche se per pochissimi istanti, questo perché vorrei che si capisse l’importanza di rispettare gli spazi di tutti e non perché mi diverto a bersagliare i candidati alle Regionali per vedere dove parcheggiano. Io lotto con queste inciviltà ogni giorno da 42 anni e vorrei che almeno chi ha più visibilità e più opportunità di farsi ascoltare dia il buon esempio.

Per qualsiasi chiarimento o commento in merito alla vicenda sono a disposizione, le eventuali risposte saranno pubblicate qui sul mio blog.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali Toscana, scontro al dibattito tra Rossi e Mugnai (Fi): ‘Razzista’, ‘indagato’

next
Articolo Successivo

Regionali 2015 – Panini per tutti i palati e “Noi con Salvini”, “pescatori di pace” con la Moretti: manifesti per le elezioni

next