“Siamo usciti dai palazzi per andare nelle scuole a parlare con i ragazzi e invitarli domani alla manifestazione a Montecitorio contro la riforma dell’istruzione di Renzi. Non ci saranno attivisti Cinque Stelle ma sarà una protesta che vuole unire tutto il mondo della scuola che dice ‘no’ a questo progetto”. Parola del deputato pentastellato Giuseppe Brescia che, fuori dal liceo Talete di Roma, distribuisce con altri colleghi volantini agli studenti. “E’ la riforma dei ‘Figli di Buona Scuola‘ – attacca l’onorevole Cinque Stelle Massimo De Rosa -. Noi vogliamo una istruzione pubblica senza classi pollaio, con edifici decenti, tempo pieno e sostegno per i disabili. Se trasformiamo la scuola in un’azienda perdiamo che quel grado di cultura che può essere un deterrente per evitare modifiche incostituzionali del nostro sistema parlamentare”. “Ben venga il blocco degli scrutini – afferma Brescia -, così come è stato il boicottaggio dei test Invalsi” di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, l’Italia dell’astensionismo. Il 52% non si riconosce in nessun partito

next
Articolo Successivo

Pensioni, l’ex ministro Fornero: “Per Orfini eravamo un governo di pippe? Patetico”

next