“La Lombardia sarà la prima regione italiana a sperimentare il reddito di cittadinanza”. Dopo la marcia del Movimento 5 Stelle a Perugia per chiedere di approvare la legge in Parlamento, è arrivato l’impegno del governatore della Lega Nord Roberto Maroni. Che però subito viene criticato dal segretario del suo stesso partito: “E’ un’elemosina di Stato”, ha commentato Matteo Salvini, “in linea di principio sono contrario a questo tipo di provvedimenti. Non voglio mettere becco nelle libere scelte della Regione Lombardia, ma con i soldi pubblici preferirei abbassare le tasse e far ripartire il lavoro piuttosto che mantenere la disoccupazione”.

Poche ore prima Maroni aveva annunciato pubblicamente l’intenzione di introdurre la misura in Lombardia: “Molti ne parlano”, ha detto, “tanti chiacchierano, noi lo introdurremo. Ho già incaricato gli assessori Garavaglia e Cantù di studiare le modalità di intervento. In un momento di crisi economica particolarmente grave vogliamo usare i fondi del fondo sociale europeo per ridurre la povertà e l’esclusione sociale, anche attraverso il programma speciale di introduzione del reddito di cittadinanza”. L’annuncio del governatore ha trovato subito l’appoggio del Partito democratico: “L’introduzione del reddito di autonomia”, ha commentato il segretario regionale Pd Alessandro Alfieri, “era nel nostro programma elettorale, quindi siamo pronti a discuterne da subito. Si tratta, però, di un obiettivo importante e ambizioso, che richiede serietà e concretezza. Non bastano gli annunci né le operazioni boomerang come quella sui ticket. Dunque ben venga il confronto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, elezione capogruppo dopo Regionali. Speranza: “Via Fassina? Problema di tutti”

next
Articolo Successivo

Whistleblowing, finalmente si discute in Parlamento la proposta M5S

next