Stazione Cadorna, via Carducci, pieno centro di Milano. Ecco le immagini del giorno dopo il corteo NoExpo, dove centinaia di black bloc hanno devastato vetrine della posta, di negozi e banche. Tanti i muri imbrattati con le scritte, da NoExpo a NoTav, che i dipendenti dell’Amsa stavano ripulendo. In mattinata erano ancora in strada anche alcune delle auto bruciate.

di Eleonora Bianchini e Alessandro Madron

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Expo 2015: oltre i black bloc, sui temi dell’alimentazione esiste anche un dissenso costruttivo

prev
Articolo Successivo

Expo 2015: e Farinetti mi mandò a quel paese…

next