Digital Life Tech Test E ReadersMentre in Europa continua il balletto sull’Iva degli e-book, per decidere se sanzionare gli Stati che si sono ribellati applicando un’aliquota inferiore al 22% , come previsto dalla normativa europea, oltreoceano HarperCollins ha scelto di non firmare il contratto con Amazon e abbandonare il colosso di Jeff Bezos. Con Hachette, Penguin-Random House, Macmillan, Simon&ShusterHarperCollins è uno dei cinque più importanti editori mondiali ed annovera autori di best seller, quali ad esempio C.S. Lewis, Harper Lee, James Rollins e Karin Slaughter; tra l’altro, alcuni di loro parteciparono alla rivolta contro Amazon guidata da Douglas Preston, firmando la famosa lettera pubblicata a pagamento su alcuni quotidiani americani.

La casa editrice, inoltre, combatte Amazon sul suo stesso fronte, infatti, ha un sito di vendita online dove, non solo propone gli e-book nel formato universale epub, ma li offre anche in Mobi, ovvero quello che devono utilizzare i proprietari dell’e-reader Kindle di Amazon. Ma è pur vero che per Amazon libri (ed e-book) rappresentano una parte esigua del fatturato, come hanno spiegato molti editorialisti americani e Federico Rampini nel suo saggio Rete Padrona. Il colosso di Seattle, infatti, vende di tutto. In pratica ha utilizzato i libri per entrare nelle case e per conoscere i gusti dei clienti, per poi proporre loro tutto ciò che potevano voler acquistare e su questo costruendo il suo impero commerciale. Però, nonostante il fatturato da record, i profitti tardano o sono decisamente esigui rispetto al giro d’affari, ma questo sembra non preoccupare Mr Bezos.

Per quanto riguarda l’Italia, Amazon si sta muovendo nello stesso modo e, anche se si sa poco del fatturato, è risaputo è uno dei leader per la vendita degli e-book. Però nel nostro Paese, forse per il basso livello di alfabetizzazione digitale, gli e-book, pur registrando un buon livello di crescita, non decollano. Secondo il rapporto Censis, solo l’8,9% degli italiani si è avvicinato ai libri elettronici. Ma anche sul fronte digitale, le donne si confermano lettrici ‘forti’, infatti, secondo la rilevazione trimestrale effettuata da NetComm, le signore spendono in media 15 euro per l’acquisto online di e-book contro i 10 euro degli uomini. 

Insomma c’è ancora molta strada da fare perché i libri digitali possano entrare nel nostro quotidiano. Ma non scoraggiamoci, perché non mi stancherò mai di ripetere che #unlibroèunlibro e armiamoci di pazienza anche per l’Iva. Dario Franceschini ha annunciato che i 140 Ministri della Cultura aderenti all’Expo sono stati invitati alla Conferenza internazionale, che si terrà a Milano dal 31 luglio al 1 agosto, forse in quella sede i signori politici saranno in grado di trovare una posizione comune per evitare le sanzioni previste dall’Europa per i Paesi ‘ribelli’ che non applicano l’aliquota del 22% sui libri digitali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

Deep Web, cosa vende la “rete invisibile”: dalle carte di credito ai badge falsi

next
Articolo Successivo

Il magico mondo di Ori and the Blind Forest

next