Congiunzioni astrali: ci sono bottiglie di cui si smette di parlare. Qualche anno fa durante il primo e proficuo innamoramento per i vini naturali – che fu parallelo e in qualche modo determinante allo sviluppo di decine di blog enologici – era impossibile non imbattersi in un post dedicato al Chianti classico Le trame di Giovanna Morganti. Il suo modo tradizionale di intendere un territorio e un vitigno, tanto amato quanto spesso frainteso come il Sangiovese, l’ha resa involontaria protagonista di uno scontro allora aspro, ora ammorbidito dal potere delle mode, tra quelli del “basta che sia del contadino” e quelli del “ben vengano i naturali, ma il vino deve essere prima di tutto enologicamente perfetto, senza puzzette e difetti”.

Una guerra di religione di cui ancora oggi udiamo l’eco stonato. Più dei viaggi messianici in cantina, delle verticali, dei post adoranti, che oggi si ricorda più google che i tanti autori appassionati. Eppure i vini di Giovanna sono ancora un’espressione splendida, autentica e vigorosa delle potenzialità dei rossi toscani, il cui successo internazionale li ha spesso deformati in campioni di precisione, tutto legno, costanza e morbidezza.

SAMSUNG CSCPrendiamo questo Boncie 5, il ‘base’ dell’azienda, il meno raccontato anche in passato, sotterrato dalla fama e dall’eleganza di Le trame. Il nome è già un programma: è legato all’insufficienza con cui lo etichettò la stessa creatrice, in chiaro debito di autoindulgenza. Ma è vino vero, da godere e da raccontare. Senza troppi orpelli, lo apri e lo finisci senza troppe storie. Un rosso a dominanza sangiovese (con Colorino, Foglia Tonda e Ciliegiolo a completarlo) che sin dal naso se ne infischia di piacere a tutti: ci sono i frutti rossi e le spezie sì, ma anche sentori intensi e animali, con la famosa sella di cavallo che qui si sente davvero.

In bocca è un trionfo di succo e beva. Carnoso, ricco, vivace, con un bel corpo e un’acidità sostenuta che lo rende longevo e dannatamente gastronomico. Specie se a Pasqua ci avete abbinato un diversamente vegano piatto di costolette di agnello. Insomma, se questo è un vino da 5, io sono il più grande centometrista mai esistito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Twittabolario’, per giocare nel nome di Dante

next
Articolo Successivo

Viaggi – Mare, montagne e miniere: la Sardegna in cinque giorni

next