“Magari hanno ragione loro e dovrei tornare a vendere lavatrici”. Oscar Farinetti risponde a Bernardo Caprotti che, in un’intervista a Il Fatto Quotidiano, si era espresso sul patron di Eataly – presente a Expo 2015 – definendolo un “chiacchierone formidabile che vuole insegnare cos’è il food” e aveva ricordato che, a differenza di Eataly e Coop, Esselunga è stata esclusa dall’esposizione universale. Le parole di Caprotti non sono passate inosservate e Farinetti in conferenza stampa ha detto: “Manca un mese, siamo in tempo. A Caprotti dico: ‘Se vuol venire venga, facciamo qualcosa insieme nel padiglione di Eataly’. Sarei onorato di fare qualcosa con il maestro della distribuzione italiana, il numero uno. Loro e le Coop sono i migliori”. Dai vertici di Eataly provengono critiche: “Io in questo clima italiano di livori, di incazzature, di parolacce, di imprecisioni, ho deciso di protestare, parlando bene di tutti”.

A margine della presentazione dei contenuti per Expo nel megastore di Milano, Farinetti ha voluto spiegare il motivo per cui Eataly non ha sostenuto una gara d’appalto: “Non sono io che decido, Expo ha deciso di non farla non solo per Eataly ma anche per altre quattro o cinque situazioni che ritiene di unicità assoluta al mondo”. Caprotti nell’intervista ha espresso la sua disapprovazione sull’operato di Eataly, sostenendo la necessità di avere una sede centrale e dei punti-vendita, piuttosto che aprire negozi in tutto il mondo. Anche su questo Farinetti ha replicato: “Expo aveva bisogno di accogliere i visitatori in una certa maniera e ha chiesto a Eataly di farlo. Avremmo preferito non essere chiamati, almeno ci apriamo i negozi all’estero, ma abbiamo deciso di farlo volentieri per l’Italia”.

Nel frattempo, all’Eataly Smeraldo di Milano, Vittorio Sgarbi ha lanciato parole durissime sul Padiglione Italia “che, finito o non finito, sarebbe meglio bombardare subito”. Farinetti si è però dissociato da queste critiche: “Mi è piaciuto da matti”, ha detto.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grecia, presentata nuova lista di riforme, ma si punta su lotteria e lotta evasione

next
Articolo Successivo

Tasse, Istat: “Nel quarto trimestre 2014 la pressione fiscale è salita al 50,3%, +0,1%”

next