Libera coltivazione della marijuana per uso sia ludico che terapeutico e commercializzazione della cannabis sotto il controllo dello Stato come per il mercato dei tabacchi”. Sono i pilastri della proposta di legge presentata dai deputati di Sel che mira a superare definitivamente “il periodo del proibizionismo per una sostanza che nessuno ha il coraggio di definire più dannosa dell’alcol”. “Consentiamo la coltivazione per uso personale, senza vincoli anche in forma associata, aprendo quindi la strada anche ai cosiddetti ‘Cannabis Social Club“, spiega il deputato Daniele Farina fra i primi firmatari della proposta. “Gli italiani – afferma il capogruppo alla Camera Arturo Scotto – sono pronti ad acquistare marijuana nelle tabaccherie. Il monopolio pubblico sarebbe una operazione antimafia”. “Stiamo un ritorno di dieci miliardi di euro – aggiunge il deputato Giovanni Paglia – escludendo i posti di lavoro che si creerebbero togliendo il business dalle mani della criminalità organizzata”   di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Articolo 32 è Emergency

next
Articolo Successivo

Quando penso a un migrante…disegno supereroi (di Andrea Clanetti)

next