Solo 3 batterie sostituite sulle 35.000 Leaf vendute in Europa dal lancio. “I guasti al sistema di alimentazione non superano lo 0,01%: un’inezia rispetto alla media del settore per quanto riguarda i tradizionali motori endotermici”, dice la Nissan. Che ha deciso di orientare la sua campagna di comunicazione sull’auto elettrica anche sull’affidabilità, visto che ormai la sua berlina Leaf ha 5 anni di “esperienza” sulla strade del Vecchio Continente.

Anzi, il costruttore giapponese vuole prendersi una piccola rivincita su chi aveva messo in dubbio l’affidabilità delle batterie: “Le cifre parlano da sé: il tasso di guasti riscontrato nei nostri veicoli è più che trascurabile e nemmeno i detrattori più accaniti possono negarlo”, sono le parole di Jean-Pierre Diernaz, direttore della divisione Veicoli Elettrici di Nissan Europe riportate nell’ultimo comunicato stampa. E sul suo canale YouTube la Casa ha pubblicato un video in cui Robert Llewellyn, presentatore del canale tv online Fully Charged, prima sbeffeggia i detrattori delle auto elettriche, e poi va a intervistare la proprietaria di una delle prime Leaf vendute in Europa, la quale conferma che le batterie tengono ancora bene la carica. Il singolo caso non è un dato statisticamente importante, ma sicuramente servirà a fare breccia sul grande pubblico.

Le vendite delle auto puramente elettriche stanno crescendo in Europa e la Nissan Leaf è stato il modello a batteria più venduto del 2014, con oltre 15.000 esemplari, il 33% in più rispetto al 2013. Ora, però, con l’arrivo dei primi modelli elettrici a fuel cell (cioè a idrogeno) e i più versatili ibridi plug-in (che oltre alla batteria hanno anche un motore termico), l’alleanza Renault-Nissan sente l’esigenza di riaffermare la bontà delle auto elettriche a batterie. Perché credere in una tecnologia o in un’altra non è solo questione di filosofia: un po’ come all’epoca della guerra fra le videocassette VHS o Betamax, è una questione di sopravvivenza e di investimenti. Sulle  EV il gruppo franco-nipponico ci ha già puntato 5 miliardi di euro.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audi punta sull’elettrico. R8, Q7 e-tron e una futura Suv a batterie per sfidare Tesla

next
Articolo Successivo

Virgin sedotta dall’auto elettrica. Un altro aspirante carmaker, dopo Google e Apple

next