Il caso Lupi riapre la querelle sulle intercettazioni. A chiedere un freno alla pubblicazione di intercettazioni con notizie irrilevanti e senza rilievo penale è Pierluigi Bersani. “Non avremmo dovuto leggerle le notizie sul Rolex, i vestiti regalati al ministro dall’imprenditore Perotti? chiediamo a Bersani. “Lupi si può difendere in tv, in Parlamento, capiamoci. Ma ci sono nomi di cittadini comuni dati in pasto all’opinione pubblica senza che ci sia nessuna ipotesi di reato”, afferma il deputato della minoranza dem a margine del convegno sulla sinistra nel Pd a Roma. “Quello che è irrilevante non va pubblicato, servono regole, non è la posizione di Ncd, è la nostra”, specifica ancora. “La scelta di Lupi è stata dignitosa, va riconosciuto, ma non ci illudiamo, non è lo sceriffo che cambia il sistema, il sistema è marcio ma legale, i magistrati avranno difficoltà a scardinare le cose, servono le leggi” di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali Marche, il presidente Spacca si ricandida al terzo mandato. Ma senza Pd

next
Articolo Successivo

Il partito degli indagati fa la legge anti-corrotti

next