La bolletta dell’acqua degli italiani è sempre più cara. L’Istat, a due giorni dalla giornata mondiale dell’acqua organizzata dall’Onu per il 22 marzo, ha comunicato che tra 2008 e 2013 la spesa media mensile effettiva delle famiglie per “l’acqua nell’abitazione principale” è aumentata del 74%, passando da 12,16 a 21,18 euro. Quasi il doppio rispetto all’esborso sostenuto per comprare l’acqua minerale, che nel 2013 è stato in media di 11,42 euro, il 4,5% in meno rispetto all’anno precedente. “La contrazione è legata principalmente a strategie di contenimento della spesa messe in atto dalle famiglie e a un’evoluzione dei comportamenti connessi agli effetti della crisi economica”, spiega l’istituto di statistica. Le famiglie che comprano effettivamente acqua in bottiglia sono circa il 60% e spendono, in media, 19 euro al mese. Con punte massime di 23,20 euro mensili.

Non tutte le famiglie italiane si fidano però a bere l’acqua del rubinetto: il 28% (comunque il calo rispetto al 40,1% del 2002) preferisce evitare. In particolare, le aree in cui si preferisce acquistare l’acqua in bottiglia sono la Sardegna (con il 53,4% delle famiglie), la Toscana (38,3%) e il sud Italia, con Calabria al 48,5% e Sicilia al 46,2%. Risulta più trascurabile nelle province autonome di Bolzano (1,6%), Trento (2,5%) e in Valle d’Aosta (8,7%). Sono però in miglioramento i giudizi sulla qualità dell’erogazione in casa. Nel 2014 solo l’8,6% della popolazione ha lamentato irregolarità.

Aumenta la quota di carichi inquinanti civili trattati negli impianti di depurazione di tipo secondario o avanzato, che ha toccato il 57,6% nel 2012. Rispetto al 2008 l’Istat osserva un leggero incremento al Nord e al Sud, mentre è in calo nel Centro. A livello regionale emergono forti differenze; la Provincia Autonoma di Bolzano depura il 98,2% dei reflui civili, il Piemonte il 70,9% e l’Umbria il 70,2%. Le regioni meno virtuose sono la Sicilia (40,4%), il Friuli-Venezia Giulia (47,9%), il Veneto (48,8%) e le Marche (49%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carige, la banca vara nuovo aumento di capitale da 850 milioni su richiesta Bce

next
Articolo Successivo

Zara, niente crisi per gli abiti low cost di Ortega, l’uomo più ricco d’Europa

next