Grande in Italia, forse adesso anche in Europa. La Juventus non sbaglia la gara dell’anno, domina 3-0 in trasferta il Borussia Dortmund e si qualifica per i quarti di finale della Champions League. Merito di uno strepitoso Carlos Tevez, autore di una doppietta e di un gol capolavoro. Merito anche di una prova solida e compatta, matura come mai si era vista negli ultimi anni. E probabilmente pure della pochezza degli avversari tedeschi, in crisi profonda ed evidente per tutti i 180 minuti della doppia sfida. Ma i limiti del Borussia non sminuiscono un traguardo importante: i bianconeri riportano l’Italia nel G8 del pallone europeo. E potrebbero andare ancora più avanti, se sapranno confermare questi presupposti con avversari davvero di livello. Che prima o poi arriveranno.

Il gol che spiana la strada alla qualificazione è la classica prodezza del campione che non manca i grandi appuntamenti: al terzo minuto Carlos Tevez controlla fuori area e da fermo lascia esplodere un destro che si insacca all’incrocio dei pali. Ma il vantaggio non è frutto del caso. La Juventus non trema di fronte allo spettacolo del Westfalenstadion, approccia la gara subito bene, rendendosi pericolosa praticamente sul calcio d’inizio. E anche Allegri, preferendo un 4-3-1-2 propositivo all’atteso 3-5-2 di copertura (con Pereyra trequartista e Barzagli lasciato in panchina), aveva lanciato un messaggio preciso ai suoi, agli avversari e alla partita.
La rete a freddo cambia molto, al Borussia servono due gol solo per andare ai supplementari. Soprattutto senza prenderne altri, impresa proibitiva per la difesa giallonera. Mentre la Juve riesce a giocare esattamente la gara che aveva preparato: difesa compatta e concentrata, ripartenze continue e letali. Neanche l’infortunio di Pogba (guaio muscolare da verificare, al suo posto Barzagli e ritorno alla difesa a tre) complica i piani bianconeri. I padroni di casa non ci sono: si riversano in avanti più per dovere che per convinzione. Alla mezzora il massimo sforzo produce giusto una serie di cross su calci da fermo, su cui Buffon è sempre attento. Poca cosa: il primo tiro in porta arriverà solo al 60’, di pericoli veri neanche uno.

Stesso copione nella ripresa. La Juventus riparte molto meglio degli avversari, a dimostrazione di un divario evidente anche dal punto di vista mentale. Weidenfeller salva due volte su Morata, su percussioni in fotocopia di Tevez e Pereyra. Il gol che chiude i giochi è nell’aria e arriva a venti dalla fine: stavolta lo spagnolo proprio non può sbagliare in tap-in a porta vuota, sull’assist dell’Apache. Ma il fuorigioco mancato che origina l’azione è da brividi, simbolo della prestazione dei padroni di casa. Difesa lenta e ballerina, centrocampo confuso, attacco sterile. Tutto il Borussia è una formazione slegata, irriconoscibile rispetto agli anni scorsi. E del resto la classifica di Bundesliga non mente: il Dortmund è decimo, a 35 punti della vetta. In questo momento semplicemente non è una squadra di vertice. In Germania e tantomeno in Europa.
Solo questo frena gli entusiasmi per la vittoria della Juve, che nel finale dilaga con un altro contropiede dello straripante Tevez. I bianconeri tornano per la seconda volta negli ultimi dieci anni fra le prime otto d’Europa, e adesso sognano il traguardo delle semiforteggio di venerdì ci saranno Barcellona, Bayern Monaco e Real Madrid, probabilmente di un altro pianeta; Atletico Madrid e Psg, forti ma non imbattibili; Monaco e Porto, decisamente abbordabili. Dove può arrivare questa Juventus lo dirà il campo. E forse un po’ anche l’urna di Nyon.

Twitter: @lVendemiale

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Borussia Dortmund – Juventus, la sfida per il ritorno dei bianconeri nell’élite

next
Articolo Successivo

Europa League, Fiorentina abbatte la Roma. Napoli festeggia, fuori Inter e Torino

next