Taglio del 60% alla tariffa che lo Stato paga ai gestori telefonici per le intercettazioni. Lo ha approvato la Commissione giustizia del Senato, dando l’ok ha un subemendamento delle rappresentanti Pd Doris Lo Moro e Lucrezia Ricchiuti nella discussione della delega di riforma della pubblica amministrazione. Il testo prevede “la riduzione del 60% della tariffa riconosciuta ai gestori di rete telefoniche e del prezzo dei supporti adoperati per la ricezione del segnale con particolare riguardo alle intercettazioni di conversazioni e di flussi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ercole Incalza, Lupi a lezione dal ministro ombra: “E’ una strada, non una ferrovia”

prev
Articolo Successivo

Lupi, quando Renzi diceva dei ministri di Letta: “Se non sapeva, è grave: sfiducia”

next