Taglio del 60% alla tariffa che lo Stato paga ai gestori telefonici per le intercettazioni. Lo ha approvato la Commissione giustizia del Senato, dando l’ok ha un subemendamento delle rappresentanti Pd Doris Lo Moro e Lucrezia Ricchiuti nella discussione della delega di riforma della pubblica amministrazione. Il testo prevede “la riduzione del 60% della tariffa riconosciuta ai gestori di rete telefoniche e del prezzo dei supporti adoperati per la ricezione del segnale con particolare riguardo alle intercettazioni di conversazioni e di flussi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ercole Incalza, Lupi a lezione dal ministro ombra: “E’ una strada, non una ferrovia”

next
Articolo Successivo

Lupi, quando Renzi diceva dei ministri di Letta: “Se non sapeva, è grave: sfiducia”

next