Come per la scuola si interverrà con ddl per la riforma della Rai, materia sulla quale il Consiglio dei Ministri ha esaminato le linee guida. Matteo Renzi afferma: “Non vogliamo mettere le mani sulla Rai ma dare ossigeno all’azienda”, dopo le accuse ricevute dall’opposizione. “Per far quello – aggiunge – bastava nominare il prossimo Cda, invece l’idea è affidare la guida dell’azienda – che Renzi vorrebbe con un canale culturale senza pubblicità – a un capo nominato dal governo e confermato da un consiglio di amministrazione più snello di quello attuale ma con un membro scelto dai dipendenti e gli altri eletti dal Parlamento in seduta comune, come il presidente della Repubblica“. Il capo del governo, inoltre chiude alla proposta del M5S: “Non vuol dire sorteggio dei membri del Cda, perché sarebbe l’abdicazione della politica. I più bravi devono guidare la Rai”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Durex e il futuro del sesso

next
Articolo Successivo

Maria De Filippi, Monti e Dudù: sul Fatto in edicola l’Inferno di Buttafuoco

next