Come per la scuola si interverrà con ddl per la riforma della Rai, materia sulla quale il Consiglio dei Ministri ha esaminato le linee guida. Matteo Renzi afferma: “Non vogliamo mettere le mani sulla Rai ma dare ossigeno all’azienda”, dopo le accuse ricevute dall’opposizione. “Per far quello – aggiunge – bastava nominare il prossimo Cda, invece l’idea è affidare la guida dell’azienda – che Renzi vorrebbe con un canale culturale senza pubblicità – a un capo nominato dal governo e confermato da un consiglio di amministrazione più snello di quello attuale ma con un membro scelto dai dipendenti e gli altri eletti dal Parlamento in seduta comune, come il presidente della Repubblica“. Il capo del governo, inoltre chiude alla proposta del M5S: “Non vuol dire sorteggio dei membri del Cda, perché sarebbe l’abdicazione della politica. I più bravi devono guidare la Rai”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Durex e il futuro del sesso

prev
Articolo Successivo

Maria De Filippi, Monti e Dudù: sul Fatto in edicola l’Inferno di Buttafuoco

next