Bombe al cloro. Vengono usate, secondo fonti ufficiali irachene, dai miliziani dello Stato Islamico per attaccare l’esercito in Iraq. Gli ordigni diffondono nell’aria un caratteristico fumo arancione, come quello mostrato nei filmati che i vertici dell’esercito iracheno hanno fornito alla Bbc, disponibili online sul sito stesso dell’emittente. Più volte era stato riferito dell’uso di gas clorino dall’anno scorso, ma solo ora arriva una conferma ufficiale da parte delle autorità sulla base di alcuni filmati dell’emittente pubblica britannica.

Le bombe al cloro, secondo Haider Taher del nucleo artificieri iracheno, vengono fabbricate artigianalmente dai miliziani e il gas che emanano è particolarmente tossico per chi lo respira: il cloro infatti brucia i polmoni quando viene inalato in grandi quantità, anche se non è dannoso come il gas nervino. La loro funzione è più che altro psicologica: la nube di fumo arancione che emanano con l’esplosione semina il panico tra la gente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Putin tra crisi, Kiev e Nemtsov. Coen: “Zar ha fallito”. Chiesa: “Russia sotto attacco”

next
Articolo Successivo

Egitto, Renzi a Sharm per rafforzare l’asse Mosca-Il Cairo e giocare un ruolo in Libia

next