Nell’immaginario collettivo le mense aziendali non sono esattamente il simbolo del mangiare sano o raffinato. Grandi quantitativi di cibo preparato per una massa di lavoratori che ha poco tempo per ingurgitarlo su scomodi vassoi e quindi (in teoria) non fa troppo caso al grado di cottura o al tipo di condimenti impiegati. Ed invece anche da lì, vista l’ampia platea coinvolta, potrebbe partire un più generale movimento di sensibilizzazione verso un’alimentazione più salubre e sostenibile. Probabilmente anche su questa considerazione si basa il progetto “OKkio alla ristorazione”, iniziativa approvata dal Ministero della Salute nell’ambito della quale nei giorni scorsi è stato presentato il primo “F-menù”, finalizzato alla tutela della salute delle donne.

“OKkio alla ristorazione”, che coinvolge Campania, Lazio, Marche, Sicilia, Veneto ed Emilia Romagna, punta infatti a un miglioramento generale della qualità dei servizi di ristorazione collettiva con un occhio di riguardo all’universo femminile. Così questo F-menù, il primo di quattro, uno per ogni stagione, si basa su caratteristiche come la ricchezza di acido folico, il basso contenuto di grassi, l’uso privilegiato dell’olio extravergine di oliva e di poco sale iodato, oltre all’alto contenuto di Omega 3 e di fibre proveniente da cereali integrali, frutta e verdura. Una lista di pietanze stilata grazie alla consulenza scientifica di Stefania Ruggeri, ricercatrice-nutrizionista del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, e alla competenza culinaria della chef stellata Cristina Bowerman; perché, oltre che salutare, il menù deve essere anche gustoso.

Così è nata una proposta che prevede riso integrale con puntarelle, spinaci e zenzero; polpette di ceci, alici e limone; cime di rapa saltate con uvetta e pinoli e infine arance rosse: sul sito dell’iniziativa è possibile trovare anche tutte le modalità di preparazione. E questo sarà il modello che dovranno seguire i cuochi delle realtà aderenti che, rispettando i dosaggi e i gruppi di alimenti chiave utilizzati, potranno declinarlo utilizzando i prodotti del loro territorio dando vita a nuove “F-ricette”.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pasta Madre Day 2015, il 15 marzo la quinta edizione

prev
Articolo Successivo

Parchi, orti e giardini d’eccellenza: la nuova frontiera del turismo

next