Non ha paura di pronunciare la parola Isis. Anzi, Massimo Fini sceglie la via della provocazione: “Se non trattassero così i prigionieri, aderirei all’Isis”. Lo scrittore, che da pochi giorni è nelle librerie con l’autobiografia “Una vita, mette in relazione la mancanza di valori dell’Occidente e la crescita del radicalismo islamico e, da attento osservatore dell’Islam, spiega cosa lo affascina dell’Isis. Un movimento definito “interessante” che, a suo avviso, “non arriverà mai in Italia“. Poi conclude: “Non si può coltivare l’aspirazione di passare da una Opel Corsa a una Bmw, questo non può riempire una vita”  di Francesca Martelli
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Paolo Hendel: “Leghisti a Roma? Per molti di loro è stata la prima volta all’estero”

prev
Articolo Successivo

Salvini vs Gualmini: “I suoi amici votano l’indulto e gli immigrati ladri non vanno in galera”

next