Duello serrato tra il leader della Lega, Matteo Salvini, e il vicepresidente della Regione Emilia Romagna, Elisabetta Gualmini, durante “La Gabbia”, su La7. Ad accendere le polveri è la disamina dell’esponente del Pd, che rinfaccia al segretario del Carroccio le molte contraddizioni in seno al suo partito. E aggiunge: “Adesso la gara è tra i due cortei: gli arrabbiati di destra e quelli di sinistra”. Salvini insorge e definisce i manifestanti anti-Lega “balordi col volto coperto che hanno preso a sassate gli agenti”. Il dibattito esplode quando viene affrontato il tema dell’immigrazione e del controllo dei confini. “Lei crede che all’Europa fotta qualcosa di quello che succede in Italia? Sveglia!”, ammonisce Salvini, al quale l’assessore regionale del Pd elenca alcune decisioni discutibili del governatore del Veneto Zaia, come la chiusura della scuola regionale della formazione per la Polizia. “Ma la Regione non c’entra niente con la sicurezza”, ribatte Salvini, che si definisce ‘divertito’. “Anche io mi diverto – ribatte la Gualmini – poi sono una studiosa di populismi…”. La discussione va avanti con il leader del Carroccio che prende in giro l’esponente del Pd e rincara: “Gli immigrati vengono qui in Italia a rubare, perché qui non si va in galera o al massimo escono subito. Poi gli amici della signora Gualmini votano l’indulto”. Nel finale, uno studente chiede a Salvini se non si vergogna di parlare in una piazza con CasaPound, visto che nel ‘97 militava nei “comunisti padani”. Il segretario della Lega non replica e precisa: “A chi si diverte col derby fascisti-comunisti non rispondo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Massimo Fini: “Se non trattassero così i prigionieri, aderirei all’Isis”

prev
Articolo Successivo

Rai, caso Verro: consigliere sotto accusa. No di Fi: “Saremmo complici di un reato”

next