Il consigliere d’amministrazione Rai Antonio Verro è uscito dalla sede Rai di Corso Sempione, a Milano, intorno alle 15, dopo l’approvazione del piano di riorganizzazione delle news. “Me ne vado perché non sto bene” ha detto ai microfoni de ilfattoquotidiano.it. Gli altri membri del Cda proprio in quei minuti stanno discutendo il suo caso, dopo che il Fatto Quotidiano ha pubblicato la lettera che Verro inviò nel 2010 all’allora premier (e proprietario di Mediaset), in cui “segnalava” trasmissioni contro il governo. E alla domanda sul perché non si dimetta data la sua incompatibilità con la carica di consigliere, dal momento che non rispetta più la “notoria indipendenza di comportamenti” richiesta per legge, Verro si trincera dietro il “no comment”  di Alessandro Madron

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, “Brancaleone a chi?”. Riguarda tutti i video della quindicesima puntata

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Santoro: “Opa Rai? Dichiarazione d’amore di Renzi per Berlusconi”

next