“Le istituzioni dell’Emilia Romagna devono darsi una mossa: la malattia è grave, il tumore c’è e bisogna curarlo, non si può stare in attesa”. Raramente Roberto Alfonso, procuratore capo di Bologna e numero uno della Direzione distrettuale antimafia ha parlato così a lungo con i giornalisti. La sua attenzione è per la terra dove da anni lavora e ora non più immune dagli scandali della politica e della pubblica amministrazione, come ha dimostrato l’inchiesta con 41 consiglieri regionali indagati per le spese pazze. E soprattutto una terra ormai afflitta dal cancro della mafia: 117 arresti solo lo scorso 28 gennaio, in una inchiesta che ha smantellato una rete di ‘ndrangheta che, secondo i pm bolognesi, sarebbe radicata e ramificata da Piacenza a Bologna. “L’Emilia Romagna è una regione che si riteneva esente dai mali che affliggevano le altre, questa immunità invece non ce l’ha”, ha spiegato il pm. Il messaggio alla politica è esplicito: “Questa terra deve prendere atto della sua reale situazione e poi ognuno deve assumere le responsabilità proprie del ruolo e fare quello che la legge impone di fare. Io cerco di fare al meglio il mio, gli altri facciano il loro”. Poi Alfonso ha rimarcato: “Non si può non dire e non si può non sottolineare”. Alfonso ha poi ricordato l’incontro con la commissione parlamentare antimafia, arrivata sulla via Emilia in seguito ai 117 arresti dell’inchiesta Aemilia: “In quella sede abbiamo detto tutto, non abbiamo risparmiato nulla. È il massimo organo che deve verificare esistenza questi fenomeni e ha anche poteri propositivi, deve sapere come stanno le cose”.

Alfonso ha poi commentato la relazione annuale della Direzione nazionale antimafia, che ha dedicato ampio spazio alla vicenda della ‘ndrangheta bolognese. E in particolare il passaggio della relazione dove si dice che gli arresti da soli non sono sufficienti a ‘guarire’ dai danni provocati dalla criminalità organizzata, e che servirebbe una “terapia di legalità”, ha trovato d’accordo il procuratore. “È un messaggio a tutti. La collettività non deve sentirsi non destinataria o esclusa. È un invito a prendere consapevolezza e ad adottare provvedimenti, comportamenti, condotte e prassi positive per cercare di arginare tutti insieme il fenomeno”.

Per il capo dei pm bolognesi – siciliano, un passato proprio alla Direzione nazionale antimafia e una elezione a procuratore nazionale sfiorata per un soffio nel 2014 – in Emilia è stato grave ritenere che la mafia non ci fosse. A suo parere ciò è stato dovuto “alla mancanza di fatti delittuosi con violenza alle persone, per lo meno nella parte emiliana”. Alfonso ha fatto infatti una distinzione: “In Romagna ci sono state estorsioni di stampo mafioso con una violenza inaudita, come abbiamo già verificato”. In Emilia invece si pensava che “più facilmente arrivavano i soldi, meglio era. Invece non era così, era un segnale che andava preso. Il cavallo di Troia sono stati i soldi, c’è poco da fare”.

Intanto il lavoro per la maxi-inchiesta sulla ’ndrangheta prosegue. Dopo alcune scarcerazioni ordinate dal tribunale del Riesame (tra cui quella del capogruppo di Forza Italia in Comune a Reggio Emilia, Giuseppe Pagliani, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa) la procura di Bologna pensa già a un eventuale ricorso: “La linea dell’ufficio è quella di fare appello, salvo che non troviamo motivazioni particolarmente convincenti”. Ma sulle ’ndrine e su quanto emerso dagli arresti, dalle perquisizioni e dai sequestri di queste settimane, prosegue anche il lavoro del sostituto procuratore Marco Mescolini e degli altri investigatori: “Ci sono indagini da sviluppare su personaggi e fatti in particolare”, ha spiegato Alfonso.

E poi non c’è solo la ’ndrangheta per il pool antimafia bolognese. La relazione annuale della Dna lo ha certificato: Cosa nostra, Camorra casalese e napoletana, attirate in ultimo anche dal business della ricostruzione post terremoto, da anni infestano una terra che era esempio di civiltà. Ma Alfonso non si è sbilanciato: “Non sappiamo cosa verrà fuori dalle indagini che abbiamo. Probabilmente ce ne saranno che porteranno a dei risultati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carpi, bar evade 95 centesimi: chiuso per tre giorni e multa da 2400 euro

next
Articolo Successivo

Expo 2015, sì a treno in più per Parma e Piacenza. Ma è un regionale “lento”

next