Dopo due anni di ribassi torna a salire il fatturato dell’industria italiana. Secondo i dati Istat, nel 2014 le vendite hanno registrato un lieve incremento (+0,1 per cento) rispetto all’anno precedente. Significativo il rialzo delle ordinazioni dall’estero (+2,9%), mentre sul territorio nazionale il dato resta negativo (-1,2%). Particolarmente positivo il dato di dicembre, che ha segnato un 1,4 per cento in più rispetto a novembre, anche in questo caso grazie al mercato estero, dove si è registrato un più 2,8%.

Nell’ultimo mese del 2014 gli ordinativi totali hanno avuto un aumento congiunturale del 4,5 per cento: quelli interni sono cresciuti dell’1,8, mentre le ordinazioni estere hanno visto un’impennata dell’8,1 per cento. L’aumento, rispetto a dicembre 2013, è stato del 5,8 per cento, grazie al boom della fabbricazione di apparecchiature elettriche (+33,6%), nonostante la flessione nella produzione di computer e prodotti di elettronica e ottica, scesa a -34,9 per cento.

Gli indici destagionalizzati del fatturato hanno segnato incrementi congiunturali per i beni strumentali (+2,1%), per i beni di consumo (+2,0%) e per i beni intermedi (+1,2%), mentre si registra una flessione per l’energia (-1,8%). È cresciuto anche l’indice grezzo del fatturato dello 0,9 per cento. L’incremento tendenziale più rilevante si è registrato nella fabbricazione di mezzi di trasporto (+13,2%), mentre la maggiore diminuzione si è segnata nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-16,1%).

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche popolari, Padoan: “La riforma attende da 20 anni. Vado avanti”

next
Articolo Successivo

FonSai, sequestrati altri 9,5 milioni di euro a Salvatore e Jonella Ligresti

next