siamotuttiorsiNo, chiaramente nessun orso polare è stato ucciso per questa campagna: ma gli orsi polari sono purtroppo ancora realmente in pericolo a causa dei cambiamenti climatici: e non solo gli orsi, ma molte altre specie viventi tra cui noi, i nostri figli e le future generazioni!

Questo è il motivo per cui da alcuni anni stiamo urlando ai quatto venti che il clima non è (solo) una questione da orsi polari. Nella comunicazione sui cambiamenti climatici infatti da anni si tende a concentrare l’attenzione sul Polo Nord – e inizialmente la ragione era molto nobile: il Polo Nord, con la sua popolazione animale, è tra i primi habitat che subisce le conseguenze del surriscaldamento del Pianeta.

Dopo ormai oltre un decennio di comunicazione climatica, però, questo messaggio ha bisogno di un aggiornamento: le amare conseguenze del cambiamento del sistema climatico sono ormai sulle prime pagine dei giornali, e purtroppo anche nei ricordi di molti di noi che hanno già sperimentato sulla propria pelle che cosa vogliono dire alluvioni e siccità, in un clima che non rispetta i nostri raccolti, che ci lascia senza olio d’oliva, che mette a rischio le nostre case. E’ ora di dirlo chiaramente: a rischio, oltre agli orsi polari, ci siamo anche noi, la nostra società, le nostre economie, le nostre case, i nostri figli. Perciò #siamotuttiorsi.

Quando Tribe Communication ci ha chiamato per proporci la campagna ideata per Ursa Italia, siamo stati entusiasti di aderire. Ci è piaciuta quest’azienda, che colpita dal terremoto nel 2012, ha deciso di ricostruire per riaprire il suo stabilimento italiano, per produrre sistemi per il risparmio energetico in edilizia; ci è piaciuta la campagna, strategicamente organizzata per coinvolgere e farsi ricordare. E così abbiamo lanciato questa famigerata azienda Arsu Systems sul web, con un video in cui un attore dichiara di allevare e poi uccidere orsi polari per isolare termicamente gli edifici!

Moltissimi hanno risposto con indignazione: una petizione online ha portato oltre 4.000 firme, mentre le visualizzazioni hanno superato i 600.000 contatti. Non potevamo immaginare una partecipazione così massiccia in poco tempo, e questo ci riempie di speranza: grazie a tutti quelli che hanno aderito alla campagna, a quelli che ancora si preoccupano di partecipare a petizioni e di rendere questo mondo un po’ migliore! E’ grazie a voi e al vostro impegno che siamo sicuri che riusciremo a salvare il clima, gli orsi… e anche noi stessi!

Il 2015 è un anno particolare: a dicembre si svolgeranno le più importanti e storiche negoziazioni sui cambiamenti climatici, a Parigi. L’anno scorso, nella giornata della Climate March, oltre 750.000 persone in tutto il mondo sono scese in piazza. Stiamo progettando, assieme a migliaia di organizzazioni in tutto il mondo, una grande mobilitazione di persone pronte a dimostrare ai nostri governi che vogliamo impegni concreti per il clima.

Questo è l’anno e questo è il momento giusto: noi faremo di tutto per parlare di cambiamenti climatici in Italia e vi invitiamo a iscrivervi alla nostra newsletter per partecipare ai prossimi eventi. #siamotuttiorsi!

di Veronica Caciagli

Presidente Italian Climate Network Onlus

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage ulivi in Puglia, stato d’emergenza. Arriva il commissario straordinario

next
Articolo Successivo

Inquinamento e rischio tumori, ma davvero ammalarsi è solo sfortuna?

next