“È un buon servizio ma ci hanno detto di avere ancora un po’ di pazienza”. A breve infatti, apriranno le docce e il servizio “Barberia” voluti da Papa Francesco per i senzatetto che vivono intorno a San Pietro. La sala stampa della Santa Sede assicura che dalla prossima settimana il servizio sarà disponibile, ma stamattina alcuni clochard si sono presentati speranzosi di usufruire del servizio. “Sono settimane che circola la voce – dichiara i microfoni un immigrato – e aspettiamo con fiducia. Io vivo in auto, sarebbe di grande utilità”. Pronta anche la “barberia” del Papa bisognerà attendere qualche giorno in più. Docce aperte tutti i giorni dalle 9 alle 15. Sotto il colonnato del Bernini sono stati costruiti alcuni moduli in cemento con toilette, lavandini e tre docce, che verranno utilizzati secondo dei turni da uomini e donne. C’è anche una piccola postazione per il barbiere attiva solo il lunedì. I pochi che hanno potuto visitare la struttura dicono che “dentro è una sciccheria, con pavimenti scuri e pareti color carta da zucchero. Tutt’altro che container”. La gestione delle docce è affidata ai volontari dell’Unitalsi di Roma  di Loredana Di Cesare e Mauro Episcopo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Magherini, il fratello: “Giovanardi? Un vigliacco. Insulta e poi usa l’immunità”

prev
Articolo Successivo

Massa, spese pazze a Camera Commercio: “Era un’associazione a delinquere”

next