Stamattina camminavo per strada e mi hanno salutato dicendo: ‘Ciao presidente’. Anche i tassisti. E io ho risposto: ‘Ma no, chiamatemi presidentessa’”. Sono le parole pronunciate da Cristiano Malgioglio ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio24. Il cantante giorni fa ha postato sul suo profilo twitter una foto che, secondo lui, denotava una certa somiglianza col nuovo capo dello Stato. “Ho ricevuto molte telefonate” – spiega – “anche da El Pais. Io e Mattarella ci assomigliamo per il naso, gli occhi, la bocca. Ma lui è molto più bello di me. Ha dei capelli molto curati, perché ce ne ha tanti. I suoi sono naturali e sono molto morbidi, i miei sono tinti. Credo che il presidente usi solo shampoo e balsamo”. Malgioglio dedica quindi al capo dello Stato la canzone “L’importante è finire”, suo brano scritto per Mina nel 1975. E la intona con il testo modificato per l’occasione. Il cantante, poi, dichiara il suo debole per il conduttore Giuseppe Cruciani e racconta un aneddoto: “Una volta ho baciato sulle labbra Belen e ho vomitato per una settimanadi Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Oriana Fallaci, regista fiction contro le critiche: “Lotta a Islam solo parte della vita”

prev
Articolo Successivo

Antonio Razzi e Lino Banfi: “Noi la coppia più bella del mondo. Forse faremo un film”

next