“La satira ha un senso quando viene fatta nei luoghi giusti”. Così Sergio Staino – firma storica del giornale l’Unità con le sue vignette satiriche – commenta la novità dell’edizione 2015 del carnevale di Viareggio: il divieto di esporre maschere o scritte che si riferiscano in qualsiasi modo a Charlie Hebdo ed ai recenti attentati terroristici di Parigi. Della stessa opinione anche numerosi carristi della nota manifestazione: “Condivido la scelta“, commenta uno dei partecipanti alla sfilata. “Bisogna avere cervello e capire quali sono i momenti giusti”, spiega un altro ideatore dei carri satirici. “E’una disposizione della Prefettura che non ci è pesata”, afferma serena un’altra artista delle maschere di Viareggio  di Max Brod

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carnevale di Viareggio 2015, niente Charlie Hebdo sui carri. ‘Rischio sicurezza’

next
Articolo Successivo

Corruzione, altri arresti al Comune di Roma: tangenti per concessioni edilizie

next