Disoccupazione in calo a dicembre. In Italia il tasso dei senza lavoro è sceso al 12,9%, in diminuzione di 0,4 punti percentuali su novembre: si tratta, secondo Eurostat, della maggiore riduzione registrata in tutta l’Unione europea. Mentre l’Istat lo definisce un “primo segnale di contrazione” dopo “un periodo di crescita che si è protratto nella seconda metà dell’anno”. Il nuovo valore, 12,9% appunto, è il più basso da settembre, mentre rispetto a un anno prima il tasso è in aumento di 0,3 punti percentuali. Ribasso record a livello Ue anche per la percentuale di disoccupati tra i 15-24enni: si è attestata al 42%, il valore più basso da dicembre del 2013, contro il 43% di novembre (la stima preliminare era del 43,9%, poi rivista al ribasso). L’istituto statistico precisa poi che anche il numero di giovani disoccupati, pari a 664mila, è diminuito del 4,7% nell’ultimo mese (-33mila) e del 3,1% rispetto a dodici mesi prima (-21mila). Risultati che non scontano ancora l’effetto della nuova normativa sul mercato del lavoro (Jobs Act) e degli sgravi Irap riservati ai nuovi assunti, che si vedrà solo a partire dal mese di gennaio.

Rispetto a novembre, la disoccupazione diminuisce sia per la componente maschile (-3%) sia per quella femminile (-3,3%). Il tasso di disoccupazione maschile, pari al 12,0%, diminuisce di 0,4 punti percentuali in termini congiunturali – cioè appunto rispetto al mese prima – mentre cresce di 0,1 punti in termini tendenziale. Quello femminile, pari al 14,1%, cala di 0,4 punti rispetto al mese precedente mentre aumenta di 0,5 punti su base annua.

Di conseguenza anche gli occupati a dicembre sono tornati a salire, crescendo di 93mila unità in un mese (+0,4%) e riportandosi, dopo due cali consecutivi, a valori vicini a quelli registrati a settembre. Ora sono 22 milioni 422 mila.

L’istituto rileva un rialzo anche su base annua: +0,5%, pari a 109mila occupati. Il premier Matteo Renzi ha commentato su Twitter scrivendo: “Centomila posti di lavoro in più in un mese. Bene. Ma siamo solo all’inizio. Riporteremo l’Italia a crescere #lasvoltabuona“. Mentre il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha sottolineato che “oggi siamo di fronte ad uno scenario diverso” e auspicato che  “i primi mesi del 2015 potranno segnare una svolta”, tra sgravi per le nuove assunzioni e Jobs act. Al contrario per il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, che venerdì ha partecipato al corteo dei bancari a Milano in occasione dello sciopero della categoria, “il calo della disoccupazione è legato a una serie di fattori, tra cui anche aver peggiorato le condizioni delle partite Iva e non essere intervenuti sulla definizione di forme contrattuali sane“.

Aumenta, però, anche il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni: a dicembre si è attestato a 14 milioni e 106mila unità, in aumento dello 0,2% rispetto al mese precedente (+28mila unità). “Anche a novembre – ricorda l’Istat – l’inattività aveva registrato un’analoga crescita, dopo il calo avviatosi nel mese di aprile”. Su base annua l’inattività si mantiene comunque in calo dell’1,9% (-270 mila unità), in linea con la tendenza a una maggiore partecipazione al mercato del lavoro.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scala, prima della Turandot del 1° maggio a rischio. Dipendenti in piazza per corteo

next
Articolo Successivo

Lavoro volontario per i cassintegrati. Ma per Poletti “non saranno nuovi Lsu”

next