“Abbiamo creato Watchup per rilanciare il giornalismo video. Attraverso questa applicazione ogni utente può guardare un telegiornale fatto su misura, costruito in base alle sue preferenze, grazie a un algoritmo che aggrega i migliori contenuti delle testate più seguite e autorevoli del mondo”. Nell’idea hanno creduto Microsoft e l’università di Stanford, spiega il suo fondatore Adriano Farano, 35enne originario di Cava de’ Tirreni. In tre anni la sua startup ha raccolto oltre 4 milioni di dollari di investimenti e negli Stati Uniti l’app ha già avuto grande successo: Google l’ha inserita tra le migliori del 2014 e tra i suoi partner ha raggiunto testate come il Wall Street Journal e il Washington Post. In Italia il debuttato in versione beta è avvenuto martedì 20 gennaio.

“Probabilmente Watchup non sarebbe nata se non fossi emigrato. Nella Silicon Valley c’è un gusto per il rischio e le idee nuove che manca nel nostro Paese”. Adriano è arrivato in California per studiare a Stanford nel 2010, con una borsa di ricerca in giornalismo della Knight Foundation. Prima si era laureato in Scienze politiche a Roma e aveva lavorato nove anni in Francia come freelance, dove era arrivato dopo un Erasmus, durante il quale aveva fondato Cafè babel, una rivista di attualità europea tradotta in sei lingue.

Dopo il periodo di studio nell’ateneo californiano, Adriano ha avuto la possibilità di sviluppare la sua idea dentro StartX, l’incubatore dell’università di Stanford. “Abbiamo costruito Watchup con una filosofia ben precisa: noi lo chiamiamo ‘Lasagna’, è un nuovo modo di concepire un’app fatta da strati di informazioni, proprio come nelle lasagne di mia nonna, che permettono l’accesso a diversi livelli di news, comprese quelle scritte”.

Nella startup, nata nel 2012, lavora attualmente un team di 12 persone, di cui una metà sono sviluppatori che vivono fra l’Italia e la Romania. L’applicazione nel mondo conta alcune centinaia di migliaia di iscritti, il suo utente tipo al momento è maschio, news addicted, ed è under 40. Ma presto raggiungerà un target più vasto grazie alla partnership con Tribune Media, gruppo che conta oltre 40 canali di tv locali negli Usa. Le prime tre città nelle quali sarà disponibile da marzo il nuovo servizio saranno Chicago, New York e Los Angeles.
Watchup è gratuita ed è disponibile per Android, iOS e Amazon. Il guadagno per la startup arriva dalla pubblicità video, da pre roll e native advertising. “Abbiamo la possibilità di tracciare in maniera anonima il consumo video degli utenti e in base a questo di proporre loro i video di inserzionisti che possono ritenere interessanti”.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Windows 8: Google vs Microsoft per le falle di sicurezza. E gli utenti?

next
Articolo Successivo

iPhone, record di vendite in Cina: nel 2014 superati i numeri degli Usa

next