“La Grecia è diventata un topo da laboratorio, Syriza può dare uno scossone se rispetterà i suoi programmi, ma per questo bisogna uscire dall’euro”. Così Alessandro Di Battista, che, insieme agli altri quattro membri del direttorio M5S, ha incontrato per la prima volta gli eurodeputati pentastellati a Bruxelles. Ma il partito di Alexis Tsipras non è contrario alla moneta unica, e Di Battista risponde: “Si lo so, hanno fatto dichiarazioni morbide, non so se per non spaventare la popolazione o i mercati, ma svalutare la dracma è necessario“. Intanto il M5S al Parlamento europeo continua a votare come i verdi e a dilagare con movimenti come Podemos piuttosto che con i compagni di gruppo dell’Ukip, ma allora sono euroscettici solo in Italia? “Non siamo euroscettici ma a favore di un’Europa alternativa, fondata sulla solidarietà e non su questo assurdo rigore”, risponde  l’eurodeputato Fabio Massimo Castaldo. “Prendiamo atto che non è possibile governare una moneta unica con gli strumenti che ci sono adesso” perciò “vogliamo chiedere al popolo sovrano qual è strada ritiene più opportuna”  di Alesiso Pisanò

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italicum: la rappresentanza è obsoleta, la minoranza si adegui

prev
Articolo Successivo

Italicum, i dolori del giovane Berlusconi (cioè Renzi)

next