“Non c’è nessuna ‘manina’ o ghostwriter, non sono il pupazzo di nessuno”. Il senatore Pd Stefano Esposito si attribuisce il merito di aver pensato e scritto l’emendamento che porta il suo nome che ricalca fedelmente il patto del Nazareno in materia di legge elettorale e ha prodotto la decadenza di oltre 35mila emendamenti. “Qualcuno pensa che siccome mi chiamo Esposito e nessuno mi conosce sia stato utilizzato da altri ma non è così. Ho passato notti insonni per scrivere questo testo. Non se la prenda il maestro Calderoli se ho usato un solo emendamento per fregargliene 35mila. Anche io come il leghista conosco il regolamento del Senato e ho deciso di ‘rimpacchettare‘ l’impianto della legge senza consultare Renzi“. Sull’effetto ‘canguro‘ della sua idea, il senatore non ha alcun dubbio: “Sono decaduti solo emendamenti in cui si chiedeva di cambiare un punto o una virgola e quindi ostruzionistici, sono orgoglioso di averli sottratti al dibattito” di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italicum, Bersani: “Spaccatura? Si poteva mediare ma loro non hanno voluto”

prev
Articolo Successivo

Menichini vs d’Esposito: ‘Nessun favore a B. nel Patto’. ‘Da direttore di giornale da 800 copie a portavoce di Renzi’

next