Di giorno lavoravano in tre aziende vinicole locali, poi si trasformavano in spacciatori che rifornivano di cocaina gli stessi imprenditori di Montalcino per i loro festini e le serate nei locali del Senese. Sono stati i carabinieri di Siena a scoprire una banda di trafficanti che controllava il mercato degli stupefacenti tra le colline della Val d’Orcia. L’operazione, denominata “Montalcino Express” e coordinata dalla procura di Siena, ha portato a otto ordinanze di custodia cautelare in carcere per italiani e albanesi, per un totale di 15 persone indagate, e al sequestro di 4 chili di droga. I militari dell’Arma hanno svolto anche altre perquisizioni all’interno delle abitazioni degli indagati.

I trafficanti usavano il loro impiego nelle famose aziende vinicole come copertura. Braccianti che fuori dal lavoro si trasformavano in spacciatori, con una vera e propria centrale di smistamento della cocaina che “animava” le feste della notte senese. Gli indagati sarebbero stati i referenti locali di una rete di trafficanti che aveva i suoi centri a Roma e Milano. La cocaina arrivava dai due capoluoghi tramite diversi corrieri, solitamente incensurati, e veniva poi consegnata ai braccianti e dipendenti delle aziende vinicole che, dopo le ore trascorse in vigna, si occupavano della distribuzione al cliente. Un giro d’affari che fruttava all’organizzazione circa 20mila euro al mese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Greta e Vanessa, la cooperante ai migranti: “Ecco come aggirare i controlli”

next
Articolo Successivo

Terrorismo, espulso studente turco della Normale: “Minacciava di farsi esplodere”

next