Lo Stato austriaco minaccia di espropriare la casa natale di Adolf Hitler, a Branau. La proprietaria, la cui identità non è mai stata resa pubblica, ha sempre rifiutato di vendere l’immobile da 800 metri quadrati, ritenendo le offerte ricevute insufficienti e preferendo di gran lunga l’affitto da 4.800 euro al mese che Vienna, insieme al Municipio, sborsa per evitare di farla diventare meta di pellegrinaggio per nostalgici del regime.

Il contratto di affitto, stipulato nel 1972, stabilisce che l’edificio possa essere utilizzato solo a scopi socio-educativi e accorda ai suoi proprietari il diritto di pronunciarsi sui suoi inquilini. In passato, l’abitazione aveva ospitato un centro di formazione e un laboratorio per disabili, ma, quando lo Stato austriaco ha proposto alla padrona dell’immobile di trasferirvi come coaffittuari la sede di un’università popolare e di un centro di aiuto all’inserimento degli immigrati, la signora ha rispedito l’offerta al mittente.

Adesso, però, il Ministero è stufo di pagare 4.800 euro al mese, ha dichiarato un portavoce al quotidiano Kurer, per un edificio che non utilizza e che non può gestire liberamente. Per questo motivo, ha chiesto a tutte le amministrazione interessate di farsi avanti e minaccia la proprietaria di esercitare il diritto di espropriare l’abitazione al confine tra Austria e Germania.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’islamismo globalizzato, l’odio antioccidentale e il paradosso di Voltaire – II

prev
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, Al Qaeda in Yemen rivendica: “Vendetta per il Profeta”

next