Una piazza eterogenea e colorata quella che si è riunita sabato pomeriggio a Milano per affermare il proprio ‘No’ a qualsiasi forma di violenza. Una manifestazione di vicinanza e sostegno alle vittime del terrorismo e per la libertà di pensiero. Al fianco delle associazioni anche i rappresentanti delle comunità islamiche milanesi. Donne e uomini che hanno voluto prendere le distanze dal terrorismo: “Quello non è islam” hanno detto. “Nessuno può commettere violenza in nome della nostra religione”, aggiungono. Nello stesso tempo, però, hanno voluto anche affermare che “sulla religione non si scherza“, perché “la religione non è una cosa comica” e ci vuole “rispetto per la sensibilità. Dal palco non sono mancati i riferimenti alla politica e ai ripetuti attacchi delle forze populiste. E’ Matteo Salvini (Lega Nord) uno dei più bersagliati: “Non è vero che sgozziamo la gente, io non giro con il coltello – scandisce la rappresentante della comunità somala – quella non è la nostra religione, se lo mettano in testa i politici”  di Alessandro Madron

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi a Bologna, collettivi lanciano uova e fanno ‘blitz’ in Comune

prev
Articolo Successivo

Terremoto Foggia, scossa magnitudo 3.2 registrata nel distretto del Gargano

next