Le misure in materia di anticorruzione approvate dal Consiglio dei Ministri “saranno migliorate dal Parlamento. E’ possibile anche introdurre il ‘sistema premiale’ per chi intende collaborare con la giustizia”. Lo ha detto il Guardasigilli Andrea Orlando a seguito delle dichiarazioni del ministro dell’Interno Angelino Alfano, che aveva scaricato sul Presidente del Consiglio la paternità del ddl che aveva causato le critiche di Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità Anti corruzione, e del procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone. “Se si nominano queste autorità dovrebbero essere sentite. Si deve discutere in Parlamento coinvolgendo anche il Movimento Cinque Stelle“, chiosa il deputato dem Pippo Civati a margine dell’assemblea del partito che si è svolta oggi a Roma. Sulla centralità del ruolo del Parlamento insiste anche la presidente della commissione antimafia, Rosi Bindi di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corruzione, Sabelli (Anm) risponde a Renzi: “Parliamo per avere leggi migliori”

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, altri sei arresti. In manette appartenenti alla Marina

next