Salvatore Buzzi arriva all’Eur con lo scooter, Franco Panzironi pochi minuti dopo esce dal suo studio per incontrarlo. I carabinieri del Ros fotografano tutta la scena. E’ il primo ottobre 2014. Scrivono gli uomini del Ros nell’informativa: alle 11,31 l’ex amministratore delegato dell’Ama, arrestato il 2 dicembre perché considerato uomo di spicco del sodalizio guidato da Massimo Carminati che si spartiva gli appalti a Roma, “usciva dal civico (…) e salutava Salvatore Buzzi (capo della cooperativa 29 giugno, arrestato con l’accusa di associazione di tipo mafioso, ndr) con il quale restava in conversazione sino alle successive ore 11.34″, quando i due si avvicinano allo scooter di Buzzi, che apriva la sella e si voltava immediatamente nei confronti di Franco Panzironi che si avvicina scambiandosi un saluto molto ravvicinato“. Un incontro che dura tre minuti, una stretta di mano tra amici, o forse no. “Panzironi dopo aver salutato Salvatore Buzzi e di essersi allontanato di qualche metro – scrive il Ros –  infilava la mano destra all’interno della tasca destra della giacca”, avviandosi verso la propria autovettura, mentre Buzzi saliva sul proprio scooter e andava via.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Valter Lavitola condannato a tre anni per tentata estorsione a Impregilo

prev
Articolo Successivo

Mafia Capitale, la “katana” di Carminati: “Da giovane lo chiamavano er Samurai”

next