Quello delle star di Hollywood alla notte degli Oscar s’è guadagnato centinaia di migliaia di retweet. Obama, al selfie, non è riuscito a dire di no nemmeno ai funerali di Mandela e ne è venuta fuori una mezza gaffe, complici la premier danese Thorning Schmidt e il collega inglese David Cameron. Papa Francesco l’ha fatto con un gruppo di ragazzi. In casa Berlusconi l’amicizia tra Marina e Francesca Pascale è stata sdoganata così, con l’autoscatto. Per non parlare della selfie mania di Matteo Renzi. Il fenomeno è esploso quest’anno, tanto che anche il rapporto annuale del Censis sulla situazione sociale del Paese ne fa il protagonista di un paragrafo. La moda ormai è irrinunciabile per chiunque: siamo “un popolo di narcisisti e indistinti”. E l’autoritratto in bit è uno dei rimedi a un male sempre più diffuso: la solitudine.

Il social network dell’upload fotografico per eccellenza è Instagram. Secondo i dati del Global Web Index, oltre il 58% dei 55 milioni di contenuti condivisi ogni giorno nel mondo sono autoscatti. In Italia gli utenti registrati a Instagram sono 4 milioni, di cui 1,8 attivi. Vincono le donne (il 55% nel 2013), mentre la fascia di età più rappresentata è quella dai 18 ai 24 anni. Il significato del selfie – scrive il Censis – va al di là del tradizionale autoritratto: da un lato ha lo scopo di rendere visibile agli altri la propria immagine “in pose ‘strategiche’ per metterne in risalto i tratti giudicati migliori”, dall’altro serve a testimoniare la propria presenza fisica in un determinato luogo e in un preciso istante. La rubricazione a fenomeno di massa è sancita anche “dalla diffusione tra i venditori per strada, in tutti i luoghi di interesse turistico, del selfie stick”, ovvero l’asta metallica su cui fissare il proprio smartphone.

Il rapporto cita un sondaggio di Skuola.net secondo cui il 66% dei giovani ha indicato di postare su Internet foto o video personali: l’8,3% non si fa alcun problema, il 29,1% limita la condivisione dei contenuti a una cerchia ristretta di persone, il 28,8% a volte rinuncia a caricare foto e le condivide solo privatamente, mentre solo uno su 3 dichiara di non pubblicare nulla di sé. “L’aspetto innovativo del selfie – rileva l’istituto di ricerca – non consiste solo nella produzione autogestita della propria immagine, ma soprattutto nel suo (quasi sempre) immediato inserimento nei circuiti globali dei social network. L’importante è che l’immagine diventi pubblica, nello spazio circoscritto della condivisione con gli amici o in quello praticamente infinito della rete, perché ci sia risposta a quel bisogno di affermazione identitaria del soggetto che i ‘mi piace’ ricevuti (segni tangibili di popolarità) possono virtualmente e temporaneamente colmare”.

Il fenomeno va di pari passo con la sempre maggiore presenza nelle nostre vite di Internet: ne fa uso il 63,5% degli italiani, mentre gli utenti dei social network sono il 49% della popolazione. Tale dato arriva all’80% tra i giovani di 14-29 anni, ma è in aumento anche tra gli adulti. Per quanto riguarda Facebook, ad esempio, gli utilizzatori di 36-45 anni sono aumentati dal 2009 al 2014 del 153,4%, quelli di 46-55 anni sono cresciuti del 251,7%, mentre gli over 55 addirittura del 404,7%. “Per i giovani e per gli adulti, per le celebrità o per l’utente qualunque – si legge nel report – il racconto di sé attraverso le immagini postate in rete sembra irrinunciabile”. E se il selfie è caricato sui social network proprio nel momento in cui la foto è stata scattata, “è legittimo chiedersi se a questa moda non si stia associando con sempre maggiore intensità una incapacità di vivere in maniera diretta e attiva le proprie esperienze senza l’ansia narcisistica e indistinta di registrarle per provare a se stessi e agli altri di averle vissute”.

Il boom del selfie, in più, non può che far pensare alla “tendenza dei singoli alla introflessione” e alla concezione dei media “come specchi introflessi in cui riflettersi narcisisticamente, piuttosto che come strumenti con cui scoprire il mondo e relazionarsi con gli altri”. Per questo il Censis mette in relazione il fenomeno con i dati sulla solitudine, che oggi è “una componente strutturale della vita delle persone”: il 47,2% degli italiani dichiara di rimanere solo durante il giorno in media per 5 ore e 10 minuti. In tutto fanno 78 giorni di isolamento all’anno, senza la presenza fisica di nessun altro.

Twitter: @gigi_gno

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Italia e l’arte della fregatura: il Paese è ‘brematuro’

next
Articolo Successivo

Rapporto Censis, giovani umiliati. E il presidente sceglie il successore: il figlio

next