“Io, Mario Borghezio, sono con voi. Non ci ferma più nessuno. L’Italia s’è svegliata”. Dopo la quasi cacciata dal sit in di ieri sera all’Eur, l’eurodeputato leghista ci riprova oggi con il sit-in organizzato da Casapound nel quartiere di Roma Infernetto. Si manifesta, in pochi per la verità (un centinaio in tutto), contro il centro che accoglie i rifugiati spostati da Tor Sapienza per ragioni di sicurezza dal sindaco di Roma Ignazio Marino (Pd). Borgezio pensa di essere a Ostia e una residente lo corregge dicendogli: “Si trova nel quartiere Infernetto”. “Stop immigrazione dice la Lega e i patrioti” continua l’eurodeputato della Lega Nord e aggiunge: “A quelli che ci dicono che siamo razzisti rispondo: ‘Prendetela nel culo'”. Borghezio incita poi i manifestanti a intervenire con tutti i mezzi. “Ci sono braccia cuori e bandiere, aste anche più robuste”. La parola passa al leader di Casapound Simone Di Stefano che avverte: “Se non c’è niente per noi italiani non ci può essere niente per gli stranieri”. E chiude: “L’Europa ci ha abbandonato. Gli stranieri devono tornare a casa loro”  di Loredana Di Cesare e Mauro Episcopo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s, Di Battista a Montecitorio: “Basta con queste merde, non mi ricandido”

prev
Articolo Successivo

Lavoro, Poletti: “Dubbi di incostituzionalità sul Jobs Act? Non ci sono”

next