Via libera in commissione Lavoro alla Camera al ddl delega lavoro (Jobs act). Votato anche il mandato al relatore, Cesare Damiano (Pd). Il provvedimento arriverà in aula a Montecitorio venerdì 21 novembre. Il testo è stato modificato rispetto a quello del Senato con l’approvazione degli emendamenti concordati con la minoranza del Pd. Per il momento, salvo uno slittamento dei tempi, il governo non ha previsto di mettere la fiducia.

“Abbiamo avuto”, ha detto il presidente della commissione Damiano, “un’assicurazione sul tema degli ammortizzatori sociali. Poletti ha garantito di aumentare le risorse. Abbiamo fiducia. Sono stati già stanziati dal governo 1,6 miliardi per gli ammortizzatori, a cui vanno aggiunti 400 milioni per la cassa integrazione in deroga e altri 400 della Fornero. Se aggiungessimo altri 500-600 milioni credo sarebbe sufficiente per il 2015 per avere le risorse aggiuntive anche per i lavoratori precari che perderanno lavoro”, ha concluso Damiano.

Giorgio Airaudo, deputato di Sinistra ecologia e libertà , ha annunciato inoltre che stanno lavorando per ridurre gli emendamenti: “Il governo continua ad insistere sul fatto che dipenderà dall’opposizione se ci sarà la fiducia o no. Allora noi vogliamo rassicurare la ministra Boschi, stiamo lavorando in queste ore per ridurre gli emendamenti sulla delega lavoro” (Jobs act) “e facciamo appello alle altre opposizioni perché facciano lo stesso. Quindi il governo non ha nessun alibi. Non mettano la fiducia e diano la garanzia agli italiani di poter sentire il dibattito in diretta. Pochi emendamenti su punti qualificanti e nessuna fiducia. Se il governo mette la fiducia è per questioni interne e non per colpa delle opposizioni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi: “Più scioperi ora che contro altri governi”. Cgil: “Parla solo con chi dice sì”

prev
Articolo Successivo

Roberta Pinotti, il caso del volo-taxi verso il tribunale dei ministri

next