Confesso che sono golosa. Anche se in modo conflittuale. No, non è una battaglia per la dieta. Piuttosto direi tra la parte materiale, fisica di me e quella spirituale. Forse è per questo – per precostituirmi un alibi, per giustificare le mie cadute – che ho cominciato ad attribuire al cibo un significato “nobile”. Non soltanto perché ci nutre (che sarebbe già abbastanza).

Ieri con mio marito e i bambini siamo andati per castagne. Una breve camminata e poi ci siamo ritrovati nella “nostra” trattoria, in un paese chiamato Romaggi, alle spalle di Genova. Quando siamo impegnati in qualcosa ce lo ripromettiamo sempre: se ce la faremo, come premio andremo lassù a mangiare i ravioli. Non è soltanto per il posto, dove gli affanni di tutti i giorni sembrano lontani e ti senti al sicuro da tutto. Dalla vita. No, sono proprio i ravioli. Ieri i proprietari della trattoria mi hanno lasciato assistere al rito della preparazione: il ripieno con i “gusti”, cioè le erbe, dall’umile borragine che cresce quasi per dispetto nei campi alla maggiorana che ha il sapore della Liguria. Poi arriva la sfoglia fatta a mano, impastata a mano. Nessuna macchina tra te e il raviolo.

I miei figli guardavano e non capivano. “Mangiamo!”, sembravano soltanto chiedere. Sì, mangiamo, perché in fondo, come diceva Marguerite Yourcenar nelle “Memorie di Adriano” il cibo nutre anche i pensieri. Di più: attraverso il cibo è il mondo che entra dentro di noi e ci nutre. Non c’è contatto più intimo e profondo con l’ambiente che ci circonda. Però non soltanto per questo. Quando alla fine è arrivato in tavola il piatto fumante di ravioli ho rivisto tutto il viaggio che quel cibo ha compiuto. L’uomo che alzandosi all’alba è andato a raccogliere la borragine e la maggiorana. La moglie che intanto bolliva la carne da mettere nel ripieno. Poi eccola per ore e ore a preparare l’impasto. Per noi che magari non ci pensiamo neanche. Lo diceva anche De Andrè in quel capolavoro che è “A cimma”. Il cibo è un gesto d’amore e attenzione; discreto, riservato come siamo noi liguri. Poi in quei piccoli ravioli, nel loro ripieno c’è davvero tutta la nostra terra con le stagioni, il sole, la pioggia e l’erba del grande prato.

Dove i bambini hanno appena finito di giocare a pallone.

il Fatto Quotidiano, 10 Novembre 2014

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Fatto del Lunedì – Il racconto di Guccini: “Così sono nate le mie canzoni”

next
Articolo Successivo

Parco del Gran Paradiso, l’Italia può smettere di piangersi addosso

next